Considerato dagli esperti del genere “il re dei vini”, per via del suo carattere deciso ed intenso, il Barolo DOCG è indubbiamente uno dei punti di forza della produzione vinicola delle Langhe piemontesi. Il terreno calcareo-argilloso che caratterizza l’area geografica compresa tra i comuni di Cherasco e Monforte d’Alba, fino ad includere Verduno, Roddi, La Morra, Grinzane Cavour, Castiglione Falletto, Diano d’Alba, Barolo, Novello e Serralunga d’Alba, favorisce il rigoglio del vitigno Nebbiolo, da cui deriva in massima parte il Barolo.

Caratteristiche, aromi, note di degustazione

Dall’inconfondibile colore rosso rubino, il Barolo DOCG si contraddistingue per le sue noti forti di vaniglia e tabacco, che si fondono con quelle più delicate di rosa e confettura di frutta rossa. Al palato si percepisce un intenso retrogusto di sottobosco e di menta, che rende più avvolgente e completa l’esperienza di assaggio.

Abbinamenti Barolo cibo

L’abbinamento per eccellenza del Barolo DOCG è quello con i secondi piatti a base di carni rosse. L’arrosto ed il brasato sono generalmente le specialità culinarie che meglio riescono ad abbinare il sapore deciso e strutturato di questo vino.
Il Barolo d’altra parte si abbina alla perfezione anche con i formaggi, in particolar modo con quelli dalla lunga stagionatura.