Rosso

Valpolicella Ripasso

Il Ripasso della Valpolicella è un rosso tipico dell'area collinare a nord di Verona, zona nota sin dal V secolo a.C. per le attività di viticoltura e vinificazione. Il prodotto in oggetto è strettamente legato al proprio territorio ed è ottenuto da uve autoctone, coltivate secondo il metodo biologico nel pieno rispetto della natura e dell'ambiente. Il nome del vino è dovuto alla particolare tecnica adoperata per la sua realizzazione, chiamata appunto ripasso: essa consiste nel "ripassare" il Valpolicella classico con le vinacce di altri rossi locali, quali ad esempio il Recioto e l'Amarone.

Caratteristiche, aromi, note di degustazione

Proprio in virtù dello specifico processo di lavorazione, il Ripasso della Valpolicella è un vino unico, dotato di notevole personalità. 
Molto elegante è il suo colore rosso rubino con riflessi granati, un autentico piacere per gli occhi; il profumo è floreale, di rosa e violetta, con note di vaniglia e frutti rossi. 
Gli appassionati enologi apprezzano il gusto delicato ma variegato del prodotto, il corpo morbido e vellutato, la straordinaria persistenza del finale. Tra i sapori spiccano la prugna, l'amarena e la mora, frutti che accentuano la raffinatezza dell'insieme.
Il Ripasso della Valpolicella va degustato in calici ampi, grazie ai quali sarà possibile cogliere ogni sfumatura del bouquet e vivere una vera esperienza sensoriale. 

Abbinamenti Ripasso cibo

Questo vino costituisce un ottimo abbinamento con i secondi a base di carne rossa, dei quali esalterà il sapore senza annullarlo: meglio evitare, invece, abbinamenti con cibi troppo delicati, come alcune carni bianche, il pesce e le verdure. 
Il Ripasso della Valpolicella e è eccellente in abbinamento a formaggi stagionati, antipasti di montagna, salumi, selvaggina; valorizza in maniera magistrale anche numerosi primi piatti, soprattutto quelli a base di legumi, il ragù, la pasta all'uovo, e in generale le pietanze dal gusto intenso.