bacche di bacco sfondo

Passerina

La Passerina è uno dei vini bianchi tra i più raffinati e apprezzati nel panorama vitivinicolo italiano. È considerato un vitigno antico originario delle Marche, e particolarmente rinomato è il vino della zona del Piceno comprensiva di comuni quali Offida, dove il vino Passerina ha ottenuto la denominazione DOCG.
La coltivazione di questo vitigno avviene su alture fino ai 600 metri di altezza e l'influenza delle correnti marine consente una maturazione perfetta delle uve.
Appartenente alla famiglia dei trebbiani, prende il nome dagli acini, di piccole dimensioni ma talmente polposi e succosi da essere sovente preda dei passerotti.

Caratteristiche, aromi, note di degustazione

Il vino Passerina si presenta in un bel colore giallo paglierino, con piacevoli riflessi tendenti al dorato; la versione passita invece ha un colore più ambrato.
All'olfatto il vino Passerina sprigiona un intenso bouquet aromatico, molto fruttato e floreale: in particolare si possono distinguere sentori agrumati, ma anche di pera, pesca, banana. Si percepiscono poi la salvia, il timo, la ginestra ed una leggera nota di miele.
Al palato è un vino poco strutturato, fresco e morbido: si denota poca sapidità, un'aroma floreale e soprattutto un sapore mandorlato sul finire.

Abbinamenti vino Passerina cibo

Il Passerina è un vino da servire ad una temperatura tra gli 8° e i 10° e si rivela perfetto come aperitivo o per abbinare finger-food e frutti di mare.
È perfetto in abbinamento con piatti di pesce come zuppe, fritto misto, crostacei, orata al cartoccio e primi come carbonara di pesce e gnocchi con gamberi e speck.
Si fa apprezzare anche abbinato con secondi più sostanziosi quali carne di maiale e vitello tonnato.
La Passerina è infine eccellente da sorseggiare per abbinamenti insieme a pasticcini secchi e crostate di frutta.