Categorie
Confronti

Nebbiolo & Dolcetto: differenze e abbinamenti cibo

Nebbiolo e Dolcetto sono i due principali vitigni del Piemonte (oltre al Barbera ovviamente). Da questi vitigni vengono ottenuti vini molto rinomati quali Dogliani, Dolcetto d’Alba, Barolo, Barbaresco, Ghemme e altri ancora.
La terra di orgini fa si che i vini abbiamo caratteristiche in comune, ma spiccate sono anche le differenze tra i due.

Nebbio e Dolcetto: caratteristiche e differenze

Vino Nebbiolo: caratteristiche e abbinamenti

Vitigno autoctono piemontese, il Nebbiolo viene coltivato principalmente nella provincia di Cuneo, nell’area che comprende l’Albese e le Langhe. Il suo nome potrebbe derivare dall’abbondante pruina che ricopre gli acini oppure dall’epoca tardiva di maturazione che fa sì che la vendemmia coincida con le prime nebbie. Vitigno di grande pregio, nonostante i ripetuti tentativi di esportazione, si esprime al meglio proprio nel suo terroir d’origine. In purezza, dà origine alle DOC Bramaterra, Carema e Nebbiolo D’Alba, e alle DOCG Barbaresco, Barolo, Gattinare e Valtellina Superiore.

Il grappolo è di medie dimensioni con acini medi-piccoli e rotondi, viola scuro e molto pruinosi.
Il vino Nebbiolo ha un carattere austero e deciso. Si caratterizza per il suo colore rosso granata e per le note di frutti di bosco, geranio, lampone, cuoio, cannella, vaniglia e tabacco. Al palato risulta secco e strutturato, armonico ed elegante.

Abbinamenti Nebbiolo cibo consigliati?Delizioso con le portate a base di carne, con gli antipasti di salumi e formaggi stagionati, ma anche con i primi importanti della tradizione italiana, dai risotti alle lasagne.

Vino Dolcetto: caratteristiche e abbinamenti

Il Dolcetto è considerato un vitigno autoctono del Monferrato. Da qui si sarebbe nei secoli diffuso nell’Oltrepò Pavese, in Liguria, nel Cuneese e nell’Alessandrino. Il suo nome deriverebbe dalla dolcezza degli acini che sono caratterizzati da una bassa acidità.
Attualmente, dopo un periodo di crisi dovuto alla diffusione devastante della fillossera, il Dolcetto è un vitigno particolarmente comune nel Cuneese, dove dà origine alla DOC Dolcetto D’alba, di Diano e delle Langhe Monregalesi.

Il grappolo è di dimensioni medio-grandi, con acini tondi, blu e pruinosi.
Le varie DOC prodotte con le uve Dolcetto, tutte di grandissimo pregio, sono molto diverse tra loro. Si può dire, però, che in generale il Dolcetto è un vino di colore rosso rubino con sfumature violacee. All’olfatto, rivela note di prugna, mora, mandorla amara e spezie. Al palato è asciutto, gradevolmente tannico e ben strutturato.

Abbinamenti Dolcetto cibo consigliati?

Ottimo per accompagnare i salumi, il Dolcetto si sposa meravigliosamente con i primi della tradizione piemontese, come gli agnolotti, le tagliatelle al ragù e le zuppe di legumi, ma anche con i classici bolliti misti di questa regione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *