Malvasia delle Lipari: aromi e abbinamenti

Nobile ed antico, il vitigno Malvasia delle Lipari fu introdotto in terra siciliana dai colonizzatori greci molti secoli fa. Da allora, la coltivazione di queste uve saporite non ha mai subito battute d'arresto, diventando una specialità tipica nota in tutto il mondo. Vino DOC della Sicilia, il Malvasia delle Lipari può essere prodotto in 3 varietà, passito, liquoroso o bianco, ma solo ed esclusivamente con uve dell'omonimo vitigno e coltivate nell'arcipelago delle Eolie. Una piccola aggiunta può essere effettuata soltanto con un'altra uva pregiata, la Corinto Nero. I grappoli, lasciati appassire al sole, maturano poi nelle botti in rovere.

Caratteristiche e note di degustazione

Questo vino è caratterizzato da un colore giallo reso brillante e vivace da riflessi ambrati e dorati. Il suo sapore è equilibrato, spiccatamente dolce ma mitigato da una delicata punta di acidità. La sua struttura è densa e corposa, facile da assaporare e in grado di lasciare in bocca un gusto persistente ed intenso. L'odore è quello tipico dei vini passiti, dove spiccano note floreali e profumi di pesca, albicocca e miele. Il suo aroma è però estremamente particolare e si differenzia da analoghi passiti grazie ai suoi sentori di fichi secchi e mele cotogne e alle note fresche di mentolo ed eucalipto.

Abbinamenti Malvasia delle Lipari / cibo

Tipico vino da dessert, il pregiato Malvasia delle Lipari è la scelta perfetta per abbinare molte varietà di dolce.
Nel periodo di Natale è una perla con cui valorizzare il sapore di dolci tipici come il panettone, il pandoro, il torrone e i biscotti guarniti di noci e mandorle. Durante tutto l'anno si sposa in maniera eccellente in abbinamento con ogni tipologia di pasticceria secca, con le crostate di marmellata, con la cioccolata, i gelati e con le torte di frutta.
Ottimo come fine pasto o come vino per meditare, è anche una piacevole scoperta per abbinamenti a formaggi di vario tipo, da quelli stagionati a quelli a pasta più morbida.