Chardonnay: aromi e abbinamenti

Lo Chardonnay è uno dei più vitigni a bacca bianca più diffusi nel mondo. Originario della Borgogna, secondo alcuni studiosi previene dal medioriente, secondo altri dall'Illiria. Di sicuro venne impiantato in Borgogna dai monaci cistercensi dell'abbazia di Pontigny.
Anche il suo nome ha origini incerte: potrebbe derivare semplicemente dall'omonima città della Borgogna oppure, sostengono alcuni, potrebbe derivare dall'ebraico Shahar Adonay, "porta di Dio", nome di un vitigno israeliano che i primi Crociati avrebbero riportato in Europa da Gerusalemme. Questo nome alluderebbe al fatto che le viti venivano coltivate intorno alla Città Santa attraverso le cui porte si arrivava al Tempio. 
Qualunque sia la sua origine, sappiamo che oggi è diffuso in Australia, California, Sud America, Israele, Nuova Zelanda ed anche in Italia.

Caratteristiche vitigno

La sua aromaticità può essere più o meno intensa a seconda della qualità del terreno, del clima, dei metodi di coltivazione e di vinificazione e della resa che si sceglie di avere ma di sicuro questo vitigno predilige i climi caldi e temperati e i terreni argillosi e calcarei di collina.
Le sue uve vengono utilizzate per la produzione dei più prestigiosi spumanti del mondo, tra cui Champagne e Franciacorta ed è un vino che può essere sottoposto a invecchiamento.
In Italia lo Chardonnay viene coltivato soprattutto nella zona subalpina ma anche in Sicilia e in Abruzzo.

Aromi e note di degustazione

Il vino Chardonnay viene solitamente prodotto con il 100% di uve di questo vitigno ed è caratterizzato da un colore che vira dal giallo verdognolo al giallo paglierino.
Il bouquet rivela note delicate e fruttate di pesca, mela, pera, agrumi, caramello, ananas e banana, ma anche note di frutta secca, di vaniglia e burro.
Nel caso in cui venga affinato in legno, si evidenziano anche note speziate più complesse. Al palato, sorprende con il suo carattere robusto e complesso e il retrogusto persistente, con una certa mineralità e acidità.

Abbinamenti Chardonnay cibo

Il vino Chardonnay va servito a una temperatura di 10-12 C ed è ottimo in abbinamento a piatti a base di pesce, molluschi e crostacei, ma anche pollame e primi piatti leggeri a base di verdure.
E' un vino indicato per l'affinamento in barrique e in questa versione è ottimo da abbinare come aperitivo o in abbinamento a formaggi di media stagionatura e salumi.