Abbinamento vino cibo 

 

Guida online su vini italiani, aromi, abbinamenti cibo consigliati

Bacco (58)

Marsala: aromi e abbinamenti

Il Marsala è un vino liquoroso a Denominazione di Origine Controllata prodotto in Sicilia, più precisamente nelle zone di Marsala e di Trapani, con esclusione dei comuni di Pantelleria, Favignana ed Alcamo. Le sue origini sono da attibuirsi al commerciante inglese John Woodhouse che nel…

Marzemino

Il vitigno Marzemino ha una storia antichissima. Quel che è certo è che le uve marzavi vengono citate in antichi registri ciprioti. Probabilmente fu proprio da Cipro che questo vitigno venne nei secoli portato nelle isole della costa dalmata e da lì arrivò probabilmente alla…

Merlot: aromi e abbinamenti

Le origini del Merlot sono da ricercarsi agli inizi del 1700 nella parte sud ovest della Francia, zona del Bordeaux, dove nascono alcune delle uve più prestigiose al mondo. Questo vitigno a bacca nera è stato diffuso in Italia solo dopo il termine della seconda…

Montepulciano: aromi e abbinamenti

Il Montepulciano è uno dei vitigni più importanti e diffusi del Centro Italia. Secondo la teoria più accreditata, sarebbe originario di Torre de' Passeri o della conca Peligna, in Abruzzo. Da qui, a partire dall'inizio del '900, si è diffuso in tutta la regione e…

Moscato Bianco

Il vitigno del Moscato bianco è un'uva di tipo aromatico diffusa in tutta l’Italia o quasi ed è molto importante per la sua superficie vitata. Il moscato bianco appartiene alla famiglia dei vitigni Moscati aromatici: il suo nome deriva dalla parola "muscum", in latino muschio…

Moscato Giallo

Il Moscato Giallo, noto anche come Moscato Sirio, è un tipo di moscato (nome derivante da "muscum", muschio, un aroma comune a tutte le uve appartenenti a questa famiglia), è un vitigno di origini Siriane importato dai mercanti Veneziani dalla Grecia, il che giustifica la…

Moscato Rosa

Il moscato Rosa è prodotto maggiormente nell’area Nord Est d’Italia e in particolare nelle zone alpine del Trentino Alto Adige, e, in via sperimentale, anche da alcune cantine Siciliane. Il suo nome deriva non dal suo colore come si potrebbe credere, le bacche sono di…

Moscato d'Asti: aromi e abbinamenti

Il Moscato d'Asti è un vino bianco DOCG, dolce e frizzante ottenuto dall'antico vitigno del Moscato bianco. Le prime tracce di questo risalgono infatti al Piemonte del 1300 d.C., sebbene in alcuni testi fosse nominato già ai tempi degli antichi greci che presumibilmente lo importarono…

Moscato: aromi e abbinamenti

Il Moscato è uno dei nomi più conosciuti all'interno del settore vinicolo: orgoglio italiano, ma soprattutto Piemontese, il suo vitigno presenta una delle poche uve aromatiche: l'odore degli acini al momento della maturazione è esattamente lo stesso aroma che è possibile ritrovare all'interno del vino…

Nebbiolo: aromi e abbinamenti

Autoctono del Piemonte, il Nebbiolo è senza dubbio uno dei vitigni più pregiati nel panorama vitivinicolo italiano. Il nome stesso ricorda gli ambienti in cui viene coltivato da millenni, regalando vini di assoluta eccellenza: le Langhe piemontesi e le colline della Valle d'Aosta e della…

Nerello Mascalese

Il Nerello Mascalese è un vitigno autoctono che ben rappresenta l'eredità di un territorio unico come quello siciliano. La sua maturazione è tardiva, tanto che la vendemmia avviene alla fine del mese di ottobre. Coltivato alle pendici dell'Etna sin dai tempi antichi, su di un…

Nero d'Avola

Le fertilissime, assolate terre situate nel cuore della Sicilia sono il terroir d'origine del Nero d'Avola: il pregiato vitigno che, vinificato in purezza, dà vita all'omonimo vino. Probabilmente portato sull'isola dai Greci intorno al VII secolo a.C, il Nero d'Avola trovò nell'area compresa tra Pachino,…

Nobile di Montepulciano: aromi e abbinamenti

Il vino rosso Nobile di Montepulciano ha origini antichissime. Nato in Toscana ai tempi della colonizzazione etrusca, è stato il primo vino d'Italia ad ottenere l'ambita certificazione DOCG. Prodotto con i frutti del vitigno autoctono noto come "Prugnolo Gentile", questo vino pregiato è realizzato con…

Ormeasco

L'Ormeasco è un vino DOC prodotto nella terra ligure, specialmente a Pornassio, Acquetico, Nirasca e Armo. Si ritiene che esso sia stato importato nell'anno Mille dai Saraceni, nella città di Ormea, e da lì avrebbe assunto il suo nome. Il vitigno era già noto sicuramente…

Passito di Pantelleria: aromi e abbinamenti

Il Passito di Pantelleria è un vino Doc, dolce e aromatico, prodotto esclusivamente con uve Zibibbo dell'isola di Pantelleria in provincia di Trapani, dove devono essere obbligatoriamente svolte tutte le operazioni di vinificazione e l'imbottigliamento. Chiamato anche Oro Giallo di Pantelleria, deve essere affinato almeno…

Pigato Ligure

Il Pigato è uno dei vitigni bianco più celebri della Liguria, coltivato prevalentemente nella Riviera di Ponente sia nella zona costiera che in quella preappenninica più interna. Il nome deriva dal termine dialettale pigau e dal latino picatus che indicano la presenza di macchioline presenti…

Pinot Bianco: aromi e abbinamenti

Il termine Pinot deriva dalla parola pigna per via della forma e delle dimensioni ridotte del grappolo, mentre le origini del vitigno sono da ricercarsi in Francia e in Germania da cui arriva nell'800 per insediarsi in Friuli, Trentino Alto Adige, Lombardia e Toscana dove…

Pinot Grigio: aromi e abbinamenti

Il Pinot Grigio è con molta probabilità una mutazione genetica della gemma del vitigno Pinot Nero, le cui origini sono da ricercarsi in Francia. Queste antiche uve nate nella regione della Borgogna sono state importate negli anni in numerosi altri Paesi, tra cui l'Italia dove…

Pinot Nero: aromi e abbinamenti

Il Pinot Nero è uno dei più antichi e nobili vitigni a bacca rossa. La sua terra di origine è la Borgogna. Queste uve pregiate sono le più usate per la produzione di spumanti e champagne e pur essendo tra le più difficili e complesse…

Primitivo: aromi e abbinamenti

Il vitigno Primitivo, ampiamente coltivato in Puglia, deve il suo nome alla maturazione precoce della sua uva. Non si conosce esattamente la sua origine: secondo alcuni sarebbe stato introdotto in Puglia dai Fenici, secondo altri, invece, sarebbe stato portato da frati benedettini arrivati in Puglia…